Italia

Transceiver 100G nell'interconnessione dei data center

Updated on nov 16, 2022
111

Con la rapida crescita del cloud computing e dei data center, anche le imprese hanno aumentato la loro domanda di servizi cloud ad alta larghezza di banda e grande capacità, nonché una migliore distribuzione dell'interconnessione dei data center, potenziando così al massimo la propria attività. In quanto parte essenziale della trasmissione di rete, i transceiver 100G svolgono un ruolo importante nei data center. Pertanto, è opportuno dare uno sguardo approfondito ai transceiver 100G nell'interconnessione dei data center.

 

Che cosa è l'interconnessione dei data center?

L'interconnessione data center (DCI) si riferisce solitamente a una tecnologia che collega tra loro due o più data center. La tecnologia DCI può raggiungere diverse distanze di trasmissione, da quella metropolitana a quella ultra-lunga, come quella sottomarina, offrendo così diverse opzioni alle aziende.

In generale, esistono due tipi di interconnessione tra data center: interconnessione intra-data center e inter-data center. La prima indica la connessione all'interno del data center, mentre la seconda si riferisce alla connessione tra data center con una distanza di trasmissione da 10 km a 80 km o superiore a 80 km.

Il DCI dimostra i suoi vantaggi in diversi modi. Consente ad esempio il trasferimento di dati ad alta sicurezza e al contempo supporta diversi tipi di connessione, offrendo alle aziende grande flessibilità. Con l'aumento del traffico Internet, il DCI sta diventando sempre più importante per gli aggiornamenti aziendali e l'espansione dell'infrastruttura.

data center interconnect

 

Aspetti da considerare nell'interconnessione dei data center

Sono molti gli aspetti che le aziende devono prendere in considerazione quando implementano l'interconnessione dei data center, come ad esempio la distanza tra i data center, l'ubicazione dei data center e così via. Questi fattori influenzano anche la scelta dei transceiver; pertanto, le aziende devono decidere in base alle loro reali esigenze.

  • Distanza: Le applicazioni DCI possono variare a seconda delle distanze di trasferimento dei dati. Se, per esempio, i data center sono situati nella stessa città, non è necessario scegliere un collegamento di rete con una lunghezza massima di 80 km. In generale, per le aree metropolitane è meglio scegliere i moduli ZR 100G, che supportano una distanza di trasmissione fino a 80 km. Per quanto riguarda le aree metropolitane entro gli 80 km, i transceiver DWDM 100G rappresentano la scelta migliore.

  • Capacità: La capacità di trasferimento dei dati è un altro fattore importante che influisce sul DCI. Con l'aumento delle attività, anche le imprese richiedono una maggiore larghezza di banda. I moduli ottici coerenti 100G su una singola lunghezza d'onda possono aumentare notevolmente la capacità del DCI. Inoltre, l'ottica coerente espande lo spettro disponibile dalla banda C alla banda L, raddoppiando la capacità per fibra e migliorando l'utilizzo della lunghezza d'onda.

  • Velocità: Oltre alla distanza e alla capacità di trasmissione, le aziende prestano molta attenzione anche alla velocità. Con l'aumento vertiginoso del traffico nei data center, le aziende devono scegliere la trasmissione dati ad alta velocità per soddisfare la domanda. Con la crescita della famiglia di transceiver 100G, le aziende possono godere di una maggiore velocità di trasmissione dei dati, che aumenta l'efficienza e le prestazioni della rete.

  • Densità: Se un data center è caratterizzato da una maggiore densità, può supportare una grande capacità di trasmissione dei dati, soddisfacendo così meglio le esigenze del crescente flusso di traffico dati. Ad esempio, con l'aggiornamento del fattore di forma dei transceiver 100G da CFP a CFP2 e CFP4, l'integrazione e la densità dei moduli sono aumentate notevolmente, consentendo di ottimizzare le apparecchiature di rete esistenti e di risparmiare spazio e costi nei data center.

  • Consumo energetico: Nell'implementazione dei data center, le aziende non dovrebbero mai sottovalutare il ruolo del consumo energetico. Con così tanti transceiver ottici sui pannelli posteriori dei data center, le aziende dovrebbero considerare attentamente il loro consumo energetico. In generale, i moduli QSFP28 da 100G possono raggiungere diverse distanze di trasmissione con un consumo energetico relativamente basso, che consente di risparmiare energia e ridurre la dissipazione di calore.

  • Costo: Per la maggior parte delle aziende, una soluzione economicamente vantaggiosa dovrebbe avere la massima priorità. Poiché i transceiver ottici vengono utilizzati in qualsiasi livello dei data center, le aziende dovrebbero prestare maggiore attenzione al loro costo iniziale durante l'implementazione dei data center. Nella maggior parte dei casi, il costo dei transceiver è proporzionale alla distanza di trasmissione. Le aziende possono anche chiedere aiuto ai fornitori terzi di moduli ottici, ottenendo così una connettività di rete ad alte prestazioni e a costi contenuti.

 

Applicazioni dei transceiver 100G in DCI

I transceiver 100G possono essere utilizzati all'interno e tra i data center e la soluzione può variare a seconda delle situazioni. Di seguito sono riportati due scenari comuni di applicazione dei data center con i transceiver 100G.

Architettura di rete data center spine-leaf

In un’architettura data center spine-leaf vengono utilizzati transceiver 100G come un ponte tra l’aggregation layer e il core layer. Nella maggior parte dei casi, la capacità di trasferimento dati sarà maggiore quantopiù si troveranno vicino alla sommità dell’architettura. Per le interconnessioni data center di piccole dimensioni e per distanze brevi, i moduli DR 100G rappresentano un'opzione migliore alla luce dell'efficienza dei costi e della capacità di trasmissione adeguata. Come mostrato dall’immagine di seguito, moduli ottici e cavi 100G sono utilizzati per ottenere connettività data center spine-leaf 100G.

Spine-leaf Data Center Network Architecture

Moderno data center altamente interconnesso

Per i moderni data center altamente interconnessi, la trasmissione ad alta velocità e ad alta capacità è di grande importanza. I moduli ZR 100G consentono un collegamento point-to-point fino a 80 km di distanza di trasmissione senza l'impiego di complicati sistemi a linea aperta, il che è molto adatto per le reti metropolitane e le applicazioni aziendali di grandi dimensioni. Inoltre, i moduli ottici coerenti 100G sono una soluzione ideale per la trasmissione oltre gli 80 km, in grado di realizzare un'interconnessione data center ad alta capacità 100G.

100G ZR transmission

 

Conclusioni

In sintesi, grazie ad una grande gamma, i transceiver 100G stanno svolgendo un ruolo sempre più importante nel DCI, offrendo alle aziende una varietà di opzioni DCI. Le aziende devono scegliere la soluzione più adatta in base ai requisiti effettivi, come la velocità di trasmissione dei dati o la distanza.

Potresti essere interessato a