Italia

Standard Telcordia GR-326 per i Connettori in Fibra Ottica

Updated on ago 22, 2022
1.8k

Lo standard Telcordia GR, caratterizzato da universalità e praticità, è stato ampiamente utilizzato nelle industrie di telecomunicazioni globali. Ha diverse categorie specifiche progettate per i connettori in fibra ottica, come lo standard Telcordia GR-326 per i connettori ottici monomodali, lo standard Telcordia GR-1435 per i connettori ottici multimodali, lo standard Telcordia GR-1081 per i connettori in fibra ottica montabili in campo, lo standard Telcordia GR-2923 per i prodotti di pulizia dei connettori in fibra ottica, ecc. Tra questi, lo standard Telcordia GR-326, applicato ai connettori e ai ponticelli in fibra monomodale, è quello più comunemente utilizzato. Questo articolo svelerà il velo misterioso dello standard Telcordia GR-326.

 

Sfondo e Basi dello Standard Telcordia GR-326

Il GR-326-CORE è stato inizialmente creato da Bellcore (Bell Communications Research, Inc.). Nel 1999 Bellcore ha cambiato ufficialmente nome in Telcordia Technologies e nel 2012 Telcordia è stata acquisita da Ericsson. Lo standard Telcordia GR-326 ("Generic Requirements for Single-mode Optical Connectors and Jumper Assemblies") ha continuato a essere rivisto e migliorato nel corso del tempo. In totale sono state rilasciate quattro edizioni del GR-326 in sequenza e l'attuale edizione 4 è stata presentata nel febbraio 2010. L'edizione 4 definisce i requisiti più recenti dei connettori utilizzati per la giunzione di fibre ottiche monomodali e per gli assemblaggi di ponticelli realizzati con tali connettori.

 

Le seguenti informazioni di base sono state presentate per fare una breve introduzione allo standard GR-326:

 

  • Definizione: Considerato lo standard più completo e rigoroso per i connettori in fibra ottica monomodale. Il documento standard Telcordia GR-326 definisce il punto di vista di Telcordia sui requisiti tecnici generici e sulle caratteristiche richieste per i connettori utilizzati per la giunzione di fibre ottiche monomodali e per i gruppi di ponticelli realizzati con tali connettori.

  • Scopo: Specifico per connettori monomodali terminati in campo e gruppi di ponticelli.

  • Pubblico di Destinazione: Destinato agli utenti o agli acquirenti e ai produttori, fornitori o venditori di connettori e ponticelli in fibra ottica monomodale.

  • Categorie: Requisiti generali; requisiti prestazionali; test di durata; test di durata estesa; programma di garanzia dell'affidabilità.

 

Introduzione ai Test dei Connettori Standard Telcordia GR-326

Un test standard GR-362 comprende due categorie: Test di Durata & Test di Durata Estesa. Il primo è progettato per simulare le sollecitazioni che un connettore può subire durante la sua vita, ed è suddiviso in due sezioni: prove ambientali e prove meccaniche. Il secondo, invece, prevede l'esposizione a una serie di ambienti, tra cui ulteriori test ambientali e prove di esposizione.

Test di Durata

I test ambientali sono adottati per garantire che i ponticelli resistano all'esposizione a 85°C o a fluttuazioni di temperatura fino a 125°C e accelerino gli effetti dell'invecchiamento sui ponticelli, che comprendono sei parti:

Test di Invecchiamento Termico

Contenuto: simulare e accelerare i processi che possono verificarsi durante la spedizione e lo stoccaggio del prodotto.

Requisiti: I connettori sono sottoposti a una temperatura di 85℃ con umidità non controllata per una durata di 7 giorni.

Test del Ciclo Termico

Contenuto: far fluttuare la temperatura in un ampio intervallo, caldo e freddo estremo, applicare forti sollecitazioni e tensioni al campione per verificare se è qualificato.

Requisiti: Sospensione della temperatura ambiente del connettore di 115℃ (da 75℃ a -40℃) nel corso di tre ore.

Thermal Cycle Profile.jpg

Test di Invecchiamento con Umidità

Contenuto: Introdurre umidità nel connettore e determinare l'effetto dell'umidità sui campioni.

Requisiti: Impostazione della temperatura elevata di 75℃ per 168 ore (7 giorni) mentre i connettori sono esposti al 95% di RH (umidità relativa).

Test del Ciclo di Umidità e Condensazione

Contenuto: Esaminare l'effetto che l'acqua ha sul connettore quando si verifica una rapida transizione di umidità. Se le molecole d'acqua congelano o evaporano all'interno dei gruppi di connettori, è possibile che si verifichi un problema di "vuoti" nel contatto fisico tra i connettori all'interno di un adattatore.

Requisiti: Ciclo di temperatura da -10°C a + 65°C con 90%-100% RH per 168 ore (7 giorni) di 14 cicli..

Humidity Condensation Cycle Test.jpg

Test di Asciugatura a Gradini

Contenuto: Prima dell'ultima fase dei test ambientali. Per rimuovere l'umidità eventualmente rimasta dal test di umidità/condensa eseguito in precedenza.

Requisiti: Prima di eseguire il ciclo termico di post-condensazione, è necessaria una fase di essiccazione a 75℃ per 24 ore (1 giorno).

Test del Ciclo Termico Post-Condensazione

Contenuto: Simile al ciclo termico eseguito in precedenza. I cambiamenti che possono verificarsi nel connettore durante i cicli di umidità/condensa sono spesso rivelati una volta rimossa la condensa, e questi cambiamenti possono potenzialmente influenzare la perdita e/o la riflettanza del connettore.

Requisiti: Effettuare dopo la fase di asciugatura.

Una volta completato l'invecchiamento, sarà necessario eseguire i test meccanici, che comprendono i seguenti elementi di prova:

Test di Vibrazione

Contenuto: I gruppi di connettori vengono montati nello "shaker", singolarmente o in lotti, per verificare se le alte frequenze di vibrazione influenzano le prestazioni dei campioni.

Requisiti: Condotto su tre assi per due ore; ogni asse ha un'ampiezza di 1,52 mm e la frequenza varia continuamente da 10 a 55 Hz a una velocità di 45 Hz al minuto.

Test di Flessione

Contenuto: Inteso a simulare le sollecitazioni sul cavo terminato e sul connettore accoppiato.

Requisiti: Applicare un carico di 0,9 kgf (può essere ridotto a 0,6 kgf per i connettori a fattore di forma ridotto), quindi ruotare l'angolo del braccio del dispositivo di prova attraverso il seguente ciclo: 0°, 90°, 0°, -90°, 0° e ripetere per 100 cicli. Confrontare i valori numerici della perdita e della riflettanza prima e dopo.

Test di Torsione

Contenuto: La fibra viene sottoposta a una sollecitazione rotatoria e viene testata la resistenza accoppiata al connettore. Come il test di flessione, il test di torsione aiuta a identificare i punti deboli del processo di terminazione: l'adeguatezza della crimpatura.

Requisiti: Dopo aver montato i campioni di prova, applicare il carico secondo le istruzioni. Ruotare quindi il cabestano di X giri intorno all'asse della fibra, invertire la direzione e ruotare di Y giri. Invertire nuovamente la direzione e ruotare di Y giri. Dopo aver ripetuto la procedura di applicazione del carico per nove volte, si otterrà la misura della perdita e della riflettanza. Ecco una tabella relativa al carico e al numero di giri per i test di torsione.

  Tipo di Media I Tipo di Media II Tipo di Media III
Applicazione del Carico 1.35 kgf (3.0 lbf) 0.5 kgf (1.1 lbf richiesto)
0.75 kgf (1.65 lbf obiettivo)
t0.5 kgf (1.1 lbf)
Numero di giri della rivoluzione X 2.5 1.5 1.5
Numero di giri della rivoluzione Y 5 3 3

Test di Prova

Contenuto: Assicura la resistenza del meccanismo di chiusura del connettore e della crimpatura durante il processo di terminazione.

Requisiti: Test di trazione rettilinea e laterale a 90° per ottenere i risultati di misurazione della perdita e della riflettanza.

TWAL (trasmissione con carico applicato)

Contenuto: Sollecitare i campioni applicando pesi diversi a più angolazioni. La serie di pesi utilizzati dipende dal tipo di supporto del cordame e dal fattore di forma.

Requisiti: I carichi di trazione per la trasmissione con il carico applicato sono presentati nella tabella seguente:

Carichi di trazione per la trasmissione con carico applicato
Tipo di Media I
Carico 90° 135°
0.25 kgf (0.55 lbf) X X X
0.7 kgf (1.54 lbf) X X  
1.5 kgf (3.3 lbf) X X  
2.0 kgf (4.4 lbf) X X  
Tipo di Media II
Carico 90° 135°
0.25 kgf (0.55 lbf) X X X
0.7 kgf (1.54 lbf) X X  
Tipo di Media III
Carico 90° 135°
0.25 kgf (0.55 lbf) X X  
0.5 kgf (1.1 lbf) X X  

Test d'Impatto

Contenuto: Condotto per verificare che i connettori non vengano danneggiati in caso di caduta.

Requisiti: Un blocco di cemento è montato sul fondo dell'apparecchio e il connettore viene fatto cadere da circa 1,5 m dal pianeta orizzontale. Il connettore entra in contatto con il blocco di cemento e il processo viene ripetuto 8 volte.

Test di Durata

Contenuto: Eseguito per simulare l'uso ripetuto di un connettore per rivelare i problemi di progettazione o i difetti di materiale del connettore, come ad esempio qualsiasi parte del meccanismo di chiusura che potrebbe essere fortemente sollecitata o danneggiata dall'uso frequente.

Requisiti: Inserire il connettore in un adattatore in modo ripetitivo (200 volte) a diverse altezze (nella sequenza di 6 piedi, 4,5 piedi, 3 piedi, 3 piedi, 4,5 piedi e 6 piedi) in modo da simulare ciò che un utente sul campo potrebbe incontrare quando si trova di fronte a un rack di telecomunicazioni.

Test di Durata Estesa

I test non sono sequenziali, quindi non vi è alcun effetto cumulativo. I test di esposizione coprono le seguenti voci di test:

Test della Polvere

La polvere ha un grande impatto sulle prestazioni ottiche. Le particelle che contaminano le facce terminali bloccano i segnali ottici e provocano perdite. Questo test prevede l'esposizione intensiva alla polvere di particelle di dimensioni specifiche per verificare se esiste il rischio che qualche particella arrivi alle facce terminali della ghiera.

Test della Nebbia Salina

Il test della nebbia salina è progettato per garantire le prestazioni del gruppo di ponticelli in ambienti a respirazione libera in prossimità dell'oceano, e prevede l'esposizione del connettore a un'elevata concentrazione di cloruro di sodio (NaCl) per un periodo prolungato. Il test ottico viene eseguito e seguito da un'ispezione visiva per confermare l'assenza di tracce di corrosione sui materiali.

Test sui contaminanti presenti nell'aria

Il test sui contaminanti presenti nell'aria è progettato per garantire le prestazioni e la stabilità dei materiali dei connettori in applicazioni all'aperto con elevate concentrazioni di inquinamento. I connettori accoppiati e non accoppiati vengono esposti ripetutamente a vari gas da esaminare otticamente e visivamente. Un assortimento di gas volatili viene utilizzato in una piccola camera per 20 giorni per simulare un'esposizione prolungata a questi elementi.

Test di Immersione/Corrosione

Non richiede requisiti ottici, ma prevede un'immersione prolungata in acqua non contaminata. I connettori accoppiati vengono controllati per verificare la deformazione della ghiera misurando il raggio di curvatura prima e dopo il test e confrontando i valori, mentre i connettori non accoppiati vengono controllati per verificare la dissoluzione della fibra, che consiste nel controllare che il nucleo della fibra non sia rientrato troppo nel rivestimento della fibra.

Test di Immersione nelle Acque Sotterranee

L'obiettivo è verificare la capacità del prodotto di resistere alle applicazioni sotterranee. Durante il test, il connettore viene esposto a una serie di sostanze chimiche presenti, tra l'altro, nel trattamento delle acque reflue e nella fertilizzazione agricola, oltre che a mezzi biologici. Queste sostanze chimiche includono ammoniaca, detergenti, cloro e carburante.

 

Ulteriori Considerazioni

Alcuni analisti di mercato hanno previsto che il volume di consumo mondiale di connettori continuerà a crescere costantemente sulla base dei precedenti dati di crescita media annua. Con l'aumento della domanda di connettori ottici a livello globale, aumenta anche l'offerta. Sebbene la tecnologia dei connettori in fibra ottica monomodali sia relativamente matura, sono in corso modifiche alle prestazioni ottiche che possono avere un impatto sulle modalità di misurazione e collaudo dei connettori in fibra ottica monomodali.

La qualità e l'affidabilità dei connettori per fibre ottiche e dei prodotti per l'assemblaggio dei cavi in fibra ottica devono essere presi in considerazione. Questi componenti e le procedure devono essere in grado di soddisfare i requisiti di tutte le specifiche industriali pertinenti, come gli standard GR-326 riconosciuti a livello internazionale e altri standard come lo standard ITU-T L.36. Se desiderate che i vostri connettori e ponticelli in fibra ottica monomodale funzionino bene negli ambienti degli impianti di telecomunicazione, la scelta di prodotti con classificazione Telcordia GR può sciogliere i vostri dubbi.

11

Potresti essere interessato a