Italia

Confronto OS di rete: OS Open Source o OS proprietario

Updated on set 15, 2022
103

Per un lungo periodo, gli ingegneri di rete non hanno avuto altra scelta che lavorare con switch monolitici progettati con hardware e software integrati verticalmente. Mentre i fornitori pionieri di switch bare-metal stanno guadagnando terreno, gli switch di rete stanno cambiando. I fornitori di software e hardware stanno innovando.

In generale, I venditori dello switch di rete classificano il software del sistema operativo in due tipi: sistema operativo monolitico e sistema operativo modulare. I sistemi operativi monolitici tradizionali utilizzano un'immagine compilata in modo statico e vengono eseguiti in un unico spazio di memoria. Ciò significa che gli switch di rete funzionano sempre in modalità "tutto o niente". Se un elemento o un'applicazione all'interno di un sistema operativo si guasta o deve essere aggiornato, l'intero sistema deve essere spento e riavviato, interrompendo tutti i flussi di pacchetti. Tuttavia, gli elementi principali di un sistema operativo modulare di uno switch di rete sono un kernel e una serie di applicazioni caricabili dinamicamente con i loro spazi di memoria separati e protetti. Il kernel è protetto dai guasti dei servizi e delle applicazioni. Ogni processo può essere monitorato per determinare se sta funzionando correttamente. Se c'è un problema, il processo può essere riavviato dinamicamente, evitando così un riavvio dell'intero sistema.

 

Fiorisce il Sistema Operativo Switch: OS Open Source vs. OS Proprietario

Attualmente, esistono sistemi operativi proprietari e sistemi operativi open source. In genere, il sistema operativo proprietario o closed source è concepito, progettato, sviluppato e venduto da una determinata azienda e non è destinato ad essere manomesso o modificato dagli utenti. Il sistema operativo proprietario funziona in genere su switch integrati verticalmente e di marca. Mentre il sistema operativo open source può essere utilizzato, modificato e condiviso da chiunque. È realizzato da molte persone e distribuito con licenze conformi alla definizione di Open Source. I sistemi operativi di rete open source vengono normalmente eseguiti su switch aperti, switch white-box o switch bare-metal.

Figura 1: Confronto tra i Sistemi Operativi di Rete: Sistema Operativo Open Source o Sistema Operativo Proprietario

Nota per favore: esistono due tipi di software open source: l'open source di progetto/comunitario e il software open source commerciale (COSS). L'open source comunitario è completamente libero di essere scaricato da chiunque, compreso il codice sorgente, per la valutazione. Anche i fornitori di COSS di solito hanno una versione gratuita del loro pacchetto software, che include il codice sorgente. In effetti, molti software open source, soprattutto i sistemi operativi, sono disponibili come supporti "live", il che significa che non è necessario installare il software, ma eseguirlo direttamente da un DVD o da una chiavetta USB.

Tabella 1: Parte dei OS open source e dei OS proprietari (OS closed source) nel mercato.

Open Source OS Proprietario OS (Closed Source OS)
La distribuzione Cumulus Linux utilizza lo stack TCP/IP completo di Linux Open Network Operating System (ONOS) PicOS, sistema operativo basato su Linux che supporta OpenFlow di Pica8 VyOS, un fork open source del pacchetto di routing Vyatta OpenSwitch Linux Network OS di Hewlett-Packard Switch Light OS di Big Switch Networks ZebOS di IP Infusion Broadcom ICOS JUNOS, utilizzato nei router e negli switch di Juniper Networks Cisco Internetwork Operating System (IOS) IPOS, utilizzato nei router di Ericsson FortiOS, utilizzato nei Forttigates di Fortinet TiMOS, utilizzato nei router di Alcatel-Lucent EXOS, utilizzato nei dispositivi di rete prodotti da Extreme Networks ZyNOS, utilizzato nei dispositivi di rete prodotti da ZyXEL

Il confronto tra il sistema operativo di rete open source e il sistema operativo proprietario consiste nel fatto che il software open source pubblica il codice sorgente, mentre il software proprietario conserva il codice sorgente. Entrambi hanno i loro vantaggi e svantaggi.

Costo-Uno dei principali vantaggi del software open source è il costo. Se dispone delle capacità e delle competenze tecniche interne per mantenere il software, e delle risorse per implementare, formare e fornire assistenza al personale, l'open source può essere il più conveniente per la sua organizzazione. Per un CMS closed source, a seconda della complessità del sistema, il costo può variare da qualche migliaio a qualche centinaio di migliaia di dollari, che comprende una tariffa base per il software, l'integrazione e i servizi e le spese annuali di licenza/supporto.

Figura 2: Confronto dei costi del sistema operativo open source e del sistema operativo proprietario

Come mostra l'immagine, per il cliente, un'alternativa open source fa risparmiare denaro, mentre per il fornitore di applicazioni aziendali diventa disponibile più denaro, a spese del fornitore di sistemi operativi closed source, che perde una vendita.

Usabilità-L'usabilità è spesso una delle principali aree di critica per l'open source, perché la tecnologia non è generalmente revisionata da esperti di usabilità e si rivolge agli sviluppatori piuttosto che alla grande maggioranza degli utenti non esperti. Per i software chiusi o proprietari, l'usabilità è un punto di forza, grazie ai test di usabilità condotti da esperti per un pubblico più mirato.

Sicurezza - La sicurezza dell'open source è spesso una preoccupazione per le grandi aziende, perché il software non è sempre sviluppato in un ambiente controllato. Un modo per ridurre questo rischio potenziale è adottare un marchio affidabile con un team di sviluppo concentrato e supportato da una forte comunità online. Il software proprietario o chiuso è generalmente considerato più sicuro perché viene sviluppato in un ambiente controllato da un team concentrato con una direzione comune.

Figura 3: Confronto tra i OS di rete: OS open source e OS proprietario con caratteristiche diverse

 

Come Il OS di Rete Influisce sul Mercato dell'Hardware degli Switch di Rete

Non tutti gli interruttori sono creati uguali. Attualmente, gli switch presenti sul mercato possono essere suddivisi in due categorie. Una è quella degli switch bare-metal, che disaccoppiano l'hardware dal software e consentono l'utilizzo di software di terze parti sullo switch, e l'altra è quella degli switch tradizionali basati sul fornitore, che vengono forniti con un software proprietario precaricato. Per qualsiasi ingegnere di rete, l'affidabilità e il supporto sono requisiti non negoziabili. Alcuni sostengono che gli switch aperti possono offrire una maggiore affidabilità rispetto a quelli proprietari.

In primo luogo, gli switch proprietari sono più costosi. Al prezzo di uno switch tradizionale di Cisco, un'azienda può acquistare almeno quattro switch aperti e tenere a portata di mano più ricambi o coppie ridondanti.

Secondariamente, quando uno switch proprietario si guasta, i venditori si offrono di spedire alcune parti di ricambio. Ma dover aspettare l'arrivo di queste parti può essere costoso se provoca dei tempi di inattività. Solo due ore di fermo della rete possono costare decine di migliaia di dollari. Al contrario, con gli switch bare-metal non solo l'affidabilità è più facile e più economica da ottenere, ma anche l'assistenza può essere effettuata internamente più spesso. Questo perché molti sistemi operativi di terze parti eseguiti sugli switch bare-metal sono basati su Linux. Poiché gli switch utilizzano un sistema aperto, gli amministratori possono risolvere i problemi e gestirli utilizzando strumenti server standard basati su Linux che già possiedono. Questo si traduce in un minor tempo di attesa per l'elaborazione di un ticket di help desk da parte di un fornitore o per la spedizione di parti di ricambio.

Il terzo punto è che per molte aziende, il team che gestisce il data center proviene dal lato IT, quindi non c'è motivo per cui uno switch debba essere fornito in modo diverso rispetto a un server. Vogliono gestirli come i server e vogliono che siano programmabili. Gli switch bare-metal offrono questa opzione e consentono di selezionare un sistema operativo specializzato in base alle proprie esigenze.

Pertanto, gli switch bare-metal sono presi in considerazione da molti tecnici di rete. Quando sceglie gli switch bare-metal, oltre alle prestazioni del software, deve prestare attenzione anche ad alcuni parametri hardware, come la capacità di commutazione, il throughput, la latenza, la larghezza di banda non bloccante, ecc. Ad esempio, gli switch aperti FS.COM serie N 25G/100G sono switch L2/L3 ad alte prestazioni. Hanno un'elevata capacità di commutazione, una bassa latenza e un grande throughput, perfetti per le applicazioni di rete metro, data center ed enterprise di prossima generazione. Inoltre, è possibile offrire sia il tipo bare-metal che quelli con licenza precaricata Broadcom ICOS e Cumulus Linux OS. Con il nostro switch bare-metal, può installare il sistema operativo di rete secondo i suoi requisiti speciali, come OcONOS, Open Network Linux, PicOS, ecc.

 

Il OS Open Source è Ancora in Continuo Sviluppo

Nel recente passato, i sistemi operativi open source hanno conosciuto uno sviluppo significativo. Dopo quasi 30 anni, sono ancora forti e hanno ancora i loro sostenitori irriducibili. La qualità del servizio (QoS) del software open source supera quella del software proprietario in molte aree. Non c'è dubbio che il modello di business per le licenze e i prodotti open source si stia affermando nel mainstream, soprattutto perché l'open source guadagna slancio con una comunità crescente di collaboratori. Tuttavia, il OS open source ha ancora una lunga strada da percorrere, poiché ha solo stabilito una presenza considerevole nel mondo del software, ma non ha conquistato del tutto l'OS proprietario, o non ha completamente soppiantato le alternative proprietarie e closed source nel confronto tra gli OS di rete.

Figura 4: La crescita di una piattaforma open source aumenta la dimensione totale del mercato

La Figura 4 illustra la dinamica della riduzione di una piattaforma closed source a vantaggio di una piattaforma open source. Il denaro che lascia il mercato intorno alla piattaforma closed source entra nel mercato dei prodotti costruiti sulla piattaforma open source. Quando i clienti esaminano la scelta dei prodotti disponibili, danno una nuova priorità agli acquisti in base a ciò che è disponibile e all'entità del loro budget IT. Questa dinamica è particolarmente interessante per i fornitori di applicazioni mission-critical, che in genere ottengono una priorità di acquisto più alta rispetto ad applicazioni meno importanti e più incrementali.

0

Potresti essere interessato a